Piero Marchesi - Matrimonio per tutti? No, non lo voglio

Piero Marchesi - Matrimonio per tutti? No, non lo voglio

Un contributo di Piero Marchesi - Consigliere nazionale UDC
- ospite di ticinonews.ch -
articolo originale

La famiglia è un elemento portante di qualsiasi paese e si basa, tra l’altro, su chiari fatti biologici. Infatti, solo le coppie eterosessuali hanno in natura la capacità di trasmettere la vita. Il Tribunale federale e il Consiglio federale hanno sempre interpretato il diritto al matrimonio come un’unione permanente tra un uomo e una donna, concetto riconosciuto anche nel Patto delle Nazioni Unite sui diritti civili e politici, che la Svizzera ha sottoscritto.

Il “matrimonio per tutti”, compresa la donazione di sperma per le coppie lesbiche, è una questione molto controversa. Sia dal punto di vista morale, ma anche e soprattutto da quello costituzionale, perché approvandolo si legittimerebbe l’assenza del padre, come invece previsto dalla legge. I promotori di questa iniziativa non si interrogano minimamente su cosa sia giusto per i figli, si limitano a voler soddisfare l’egoismo personale di chi in natura i figli non può averli. Non bisogna essere veggenti per capire che, qualora venisse accolta dal popolo il prossimo 26 settembre, questa sarà solo una prima di altre proposte già annunciate durante i dibattiti parlamentari dalla sinistra e dai rappresentanti delle comunità LGBT. Utero in affitto, maternità surrogata, abolizione dei termini “papà e mamma” in favore dei più politicamente corretti “genitore 1 e 2”.

Il matrimonio per tutti non è altro che l’espediente per aprire le porte alla medicina assistita in modo generalizzato. L’art. 119 cpv. C della Costituzione afferma che “le tecniche di procreazione assistita possono essere applicate solo quando non vi sono altri modi per curare l’infecondità o per ovviare al pericolo di trasmissione di malattie gravi ...”. È palese che la modifica proposta sia in completo contrasto con la Costituzione perché permetterebbe invece alle coppie lesbiche di utilizzare in modo automatico la procreazione assistita.

I promotori tacciano facilmente chi si oppone a questa proposta di essere omofobo e retrogrado. Per spazzare il campo dalle polemiche ribadisco la mia piena disponibilità nel concedere gli stessi diritti alle coppie omosessuali di quelle eterosessuali nell’ambito dell’unione domestica registrata - che necessita ovviamente di essere aggiornata per migliorare la convivenza tra persone dello stesso sesso (successione, AVS, ecc.) - ma contesto l’idea che lo strumento giusto per farlo sia il regime del matrimonio, soprattutto se esteso alla donazione di sperma come in questo caso.

Il matrimonio per tutti è una proposta della sinistra - che purtroppo in Parlamento ha ottenuto anche il sostegno dei partiti di centro – pienamente coerente con la sua visione di volere una società il più possibile fluida, senza valori e velatamente contro la famiglia tradizionale.

Il prossimo 26 settembre invito dunque a votare un chiaro No, non perché le coppie omosessuali non abbiano diritto a veder riconosciuto il loro amore anche dallo Stato, ma perché questa proposta non tutela i figli, è giuridicamente un pasticcio e perché si tratta ovviamente di una prima di tante proposte che porteranno allo smembramento della famiglia tradizionale, vero pilastro della nostra società da millenni.


Stampa  

Argomentario

Il progetto di legge in discussione

L'Assemblea federale ha approvato il "matrimonio per tutti", compresa la donazione di sperma per le coppie lesbiche nella sessione invernale del 2020. Nella votazione finale del 18 dicembre, il Consiglio nazionale ha detto sì al progetto di legge con 136 voti contro 48, con 9 consiglieri che si sono astenuti. Il Consiglio degli Stati ha adottato il progetto di legge con 24 voti contro 11 e 7 astensioni. I "no" sono venuti principalmente dal PPE, EDU, CVP/Die Mitte e SVP.

Un comitato apartitico, composto da parlamentari dei suddetti partiti e sostenuto da varie organizzazioni, ha lanciato un referendum contro il "matrimonio per tutti". Il 12 aprile 2021, le firme raccolte dal 31 dicembre 2020 sono state presentate a Berna. Il 27 aprile 2021, la Cancelleria federale ha dichiarato che il referendum ha avuto luogo ufficialmente - con 61.027 firme certificate valide. Il 19 maggio, il Consiglio federale ha annunciato che il referendum federale si terrà il 26 settembre 2021.

Il progetto di legge "Matrimonio per tutti", che include anche l'accesso alla medicina riproduttiva, risale a un'iniziativa parlamentare della consigliera nazionale Kathrin Bertschy (GLP BE). L'iniziativa, presentata il 5 dicembre 2013, mirava a modificare l'art. 14 e l'art. 38 della Costituzione federale: il matrimonio dovrebbe essere equiparato alla "convivenza" e dovrebbe essere "aperto alle coppie indipendentemente dal loro sesso o dal loro orientamento sessuale".[1] Anche la promotrice del pacchetto di leggi "matrimonio per tutti" in votazione oggi ha quindi originariamente cercato di modificare la Costituzione, perché era evidentemente consapevole della sua necessità per un ampliamento del concetto di matrimonio. L'iniziativa parlamentare di Bertschy non fa menzione di una richiesta di accesso alla donazione di sperma.

I dibattiti in Parlamento e in Consiglio federale si sono trascinati per anni. Gli oppositori non hanno mostrato alcuna comprensione per le richieste di "parità di diritti" da parte della scena "LGBTIQ+[2]". Al fine di fornire protezione legale alle coppie omosessuali e bisessuali, è stata creata la legge sul partenariato, entrata in vigore nel 2007. Chiamare in modo peggiorativo l'unione registrata come "matrimonio di seconda classe" (iniziativa parlamentare Bertschy) solo pochi anni dopo la sua introduzione è stata vista come un'espressione di tattica del salame e di coercizione disonesta dell'elettorato svizzero. Infine, fino al 2005, i proponenti hanno sostenuto nella campagna referendaria sulla legge di partenariato che era "un compromesso ragionevole" e che il matrimonio sarebbe rimasto "intatto nel suo significato tradizionale."[3]

Nel 2015, le commissioni degli affari giuridici del Consiglio nazionale e del Consiglio degli Stati hanno deciso di seguire l'iniziativa parlamentare "Matrimonio per tutti". Tuttavia, il legame con la legge sull'adozione e l'accesso alla medicina riproduttiva è rimasto un pomo della discordia. Di conseguenza, il dibattito è stato ritardato per anni. In particolare, il Consiglio federale era fermamente contrario a mescolare l'estensione dell'istituto giuridico del matrimonio con l'accesso alla medicina riproduttiva (donazione di sperma). La Commissione per gli affari giuridici del Consiglio nazionale (RK-N) ha anche deciso, ancora il 30 agosto 2019, con 13 voti contro 12, di non aprire l'accesso alla donazione di sperma per le coppie sposate dello stesso sesso e di sesso femminile nel progetto di legge centrale[4].

L'iniziativa popolare federale "Per il matrimonio e la famiglia - contro la pena matrimoniale", lanciata dall'allora Partito Popolare Cristiano Democratico (CVP - oggi "Die Mitte"), ha avuto anche una grande influenza sulle delibere parlamentari. Tra le altre cose, l'iniziativa prevedeva una definizione del matrimonio come "un'unione a lungo termine legalmente regolata tra un uomo e una donna" nella Costituzione federale[5]. Nel referendum del 28 febbraio 2016, l'iniziativa è fallita con un margine sottile come un rasoio. Più tardi, il Tribunale federale ha annullato il voto a causa di cifre palesemente fuorvianti fornite dal Consiglio federale: una prima nella storia della Svizzera. Nel gennaio 2020, il comitato d'iniziativa degli esponenti del CVP, in consultazione con il partito, ha ritirato l'iniziativa per motivi puramente opportunistici e per respingere l'accusa di essere contro il "matrimonio per tutti". Questo, poco prima che venisse messo di nuovo ai voti. Questo è molto discutibile per ragioni di diritto costituzionale: un comitato d'iniziativa avrebbe avuto il diritto di decidere da solo se l'iniziativa dovesse essere rimessa al voto. Purtroppo, il Tribunale federale ha respinto un reclamo corrispondente contro il ritiro di questa iniziativa per motivi giuridici formali[6]. In termini di politica nazionale, sarebbe stata l'unica decisione giusta e corretta ripetere il referendum su questa iniziativa. L'adozione di questa iniziativa avrebbe anche significato che l'introduzione del "matrimonio per tutti" non sarebbe stata sicuramente fattibile senza un emendamento costituzionale.

Il 29 gennaio 2020, il Consiglio federale ha annunciato di condividere l'opinione della RK-N, secondo la quale l'apertura del matrimonio potrebbe avvenire tramite una revisione della legge. Questo era contrario all'intenzione originale dell'iniziativa parlamentare "Matrimonio per tutti". Il Consiglio federale chiede ora una "rapida attuazione". Sta così cedendo alla massiccia pressione della lobby LGBT, che da tempo chiede che la legge venga approvata il più rapidamente possibile. Tuttavia, il Consiglio federale continua a prendere una posizione critica sull'accesso alla medicina riproduttiva. Questo dovrebbe essere "esaminato in profondità e discusso separatamente in una data successiva"[7].

L'11 giugno 2020, il Consiglio nazionale ha deciso a maggioranza di estendere il "matrimonio per tutti" per includere l'accesso alla donazione di sperma per le coppie lesbiche - contro la volontà del Consiglio federale, così come i no dei gruppi parlamentari SVP e Mitte. Contrariamente alla commissione consorella del Consiglio nazionale, la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati (RK-S) ha approfondito nei mesi successivi la questione della possibilità di introdurre il "matrimonio per tutti" come semplice modifica della legge (vedi capitolo 2). Ha consultato diversi pareri giuridici e ha deciso il 13 novembre 2020 con un margine estremamente ridotto (7 voti a 6) che un emendamento alla legge era sufficiente. Anche nel dibattito al Consiglio degli Stati del 1° dicembre 2020, solo una maggioranza sottilissima (22 a 20 voti) ha confermato che il "matrimonio per tutti" non viola la Costituzione.

Dopo che le differenze finali sono state risolte il 9 dicembre, il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati hanno approvato il "matrimonio per tutti", compresa la donazione di sperma per le coppie lesbiche nella votazione finale del 18 dicembre 2020.

 

[1] Quelle: https://www.parlament.ch/de/ratsbetrieb/suche-curia-vista/geschaeft?AffairId=20130468 (aufgerufen am 15.07.2021)

[2] LGBTIQ+ ist ein Sammelbegriff für alle Menschen, die sich als nicht-heterosexuell einstufen. Die Buchstaben stehen für lesbisch, schwul (gay), bisexuell, trans, inter, asexuell und queer. Als Synonym wird landläufig das Kürzel «LGBT» verwendet – oftmals im Zusammenhang mit der Betitelung nicht-heterosexueller Lobby-Organisationen.

[3] Quelle: Argumentarium «Ja zum Partnerschaftsgesetz» des Schweizerischen Gewerkschaftsbundes vom März 2005 (Seiten 2 und 3).

[4] Quelle: https://www.parlament.ch/press-releases/Pages/mm-rk-n-2019-08-30.aspx (aufgerufen am 15.07.2021)

[5] Quelle: https://de.wikipedia.org/wiki/Eidgen%C3%B6ssische_Volksinitiative_%C2%ABF%C3%BCr_Ehe_und_Familie_%E2%80%93_gegen_die_Heiratsstrafe%C2%BB (aufgerufen am 15.07.2021)

[6] Quelle: https://www.bger.ch/files/live/sites/bger/files/pdf/de/1C_105_2020_2020_11_05_T_d_08_53_09.pdf; Bundesgerichtsurteile 1C_105/2020, 1C_129/2020 vom 07.10.2020

[7] Quelle: https://www.admin.ch/gov/de/start/dokumentation/medienmitteilungen.msg-id-77927.html (aufgerufen am 15.07.2021)